Telefono: 06 39723008

Avv. Mario De Caprio

Inizia ad operare alla fine degli anni ’70. Nel giro di pochi anni si afferma come uno dei più conosciuti non solo a Roma, ma anche a Milano, Napoli e Palermo. Lo Studio é anche attivo da oltre due anni nei rapporti Italia-Albania, sia in campo penale che per investimenti e nuovi business in loco.

avv-mario-de-capriol’Avv. De Caprio riesce a far portare in aula il capo assoluto della camorra Raffaele Cutolo. Il processo si conclude con un autentico trionfo: contro 2 ergastoli richiesti, il Cinque fu condannato soltanto a 18 anni.

Successivamente, l’Aw. De Caprio difende in importanti processi valutari molti personaggi del jet-set, ottenendo la remissione in libertà di un noto barone siciliano;

difende inoltre, fra i tanti, gli accusati della rapina ai negozi “La Cicogna” e, nel 1985, nel famoso processo per direttissima in Corte d’Assise per lo scippo mortale a Monteverde. Anche questo processo si conclude, con un grande successo per la difesa, con la condanna dell’imputato a 12 anni.

Continua

Collaboratori

Mario-De Caprio-intervista-TG1
Mario De Caprio
Avvocato Penalista e Cassazionista

Inizia ad operare alla fine degli anni ’70. Nel giro di pochi anni si afferma come uno dei più...

06 39723008

Visualizza
Davide De Caprio
Davide De Caprio
Avvocato Penalista

L’Avvocato Davide De Caprio si è laureato in Giurisprudenza all’Università “La Sapienza” di Roma nel 1998.

06 39723008

Visualizza
Giuseppe Migliore
Giuseppe Migliore
Avvocato Penalista

L’Avvocato Giuseppe Migliore è esperto in Diritto penale e criminale e si occupa esclusivamente dell’assistenza e della difesa di...

06 39723008

Visualizza

ARTICOLI STAMPA

traffico-droga-small Aosta traffico di droga. Si conclude con 5 condanne e 5 assoluzioni il processo per il traffico di droga tra Spagna e Italia attraverso la valle d’Aosta. Nessuno degli inputati rimane in carcere. Alle ore 20 l’applauso del pubblico in aula e’ stato per l’arringa dell’avvocato Mario De Caprio, il quale, demolendo il castello accusatorio, ha dimostrato l’inesistenza dell’associazione per delinquere, il reato piu’ grave di cui erano accusati i 10 imputati.

Continua >>

RASSEGNA STAMPA

ll giallo di Via Po: Assoluzione bis,

la Corte d’Assise conferma l’assoluzione ottenuta in primo grado.

– Il Corriere della Sera 19/3/04 – La Repubblica 19/3/04

Continua >>

Sede :